Bandiera Insubre

 

Gli Insubri

Definiti da Polibio la più importante tribù celtica della penisola, gli Insubri, secondo la versione liviana dei fatti, sarebbero stati i primi Celti ad invadere la cisalpina, agli inizi del VI secolo a. C. Avrebbero occupato il territorio corrispondente all'odierna Lombardia centroccidentale, il cui unico confine sicuro sembra essere quello meridionale, ossia il fiume Po: il territorio degli Insubri si distingue dagli altri territori insediati dai Celti, in quanto rivela la presenza di una capitale, Mediolanum, centro politico-religioso di una certa rilevanza per la confederazione insubre.

STRABONE (Amaseia Pontica 63 a.C - 24 d.C.)

Geografo e storico greco. Risalì il Nilo nel corso di una spedizione guidata da Elio Gallo, prefetto romano dell'Egitto; visse poi molti anni a Roma. Si sa poco della sua vita, ma egli sosteneva di aver viaggiato dall'Armenia alla Sardegna e dal Mar Nero fino ai confini dell'Etiopia. Sono rimasti solo pochi frammenti della sua grande opera storica in 43 libri, che andava a integrare quella di Polivio. La sua "geografia", in 17 libri, che descrive in modo dettagliato il mondo allora conosciuto, ci è pervenuta quasi completa. Pur avendo scarse conoscenze in matematica e astronomia e ben che dia poca importanza all'analisi dei fattori climatici e dei fenomeni naturali, quest'opera è una miniera di notizie, un prezioso trattato di geografia storica e di teoria della geografia.

Nel breve passo sotto citato viene menzionata prima la regione Veneto e le popolazioni che l'abitavano e poi viene fatto un confronto fra Milano e Verona.

"Anticamente, dunque, la regione intorno al Po era abitata per la maggior parte dai Celti. Le stirpi più importanti fra i Celti erano quelle dei Boi e degli Insubri. Questi popoli furono completamente distrutti dai Romani e i Boi furono cacciati delle proprie sedi. Essi andarono a insediarsi nelle regioni dell'Istro e qui abitarono insieme con i Taurisci, combattendo contro i Daci finchè tutta la loro stirpe fu sterminata. Abbandonarono così, come pascolo per i popoli vicini, quella terra che faceva parte del Illiria. Gli Insubri ci sono ancora oggi. Essi avevano come metropoli Mediolanum (che anticamente era un villaggio) ora è una città importante. Nei pressi poi c'è Verona, anch'essa una grande città".

 

 

 

Ricostruzione di un villaggio Insubre ad opera del gruppo di ricostruzione storica Sagitta Barbarica
(compagnia d'armi e d'arceria, Biturgi)

 

Ricostruzione di un duello con armi e indumenti riprodotti fedelmente

 

Il sito degli Insubres

http://www.terrainsubre.com/INSUBRES/